Pellegrinaggio alla Madonnina di Coccia e festeggiamenti patronali

Pellegrinaggio alla Madonnina di Coccia e festeggiamenti patronali

Sabato 25 agosto il Parroco don Magloire invita a partecipare al pellegrinaggio alla Madonnina di Coccia*, la partenza è alle 08:00 dalla Chiesa di Sant’Eustachio ed il rientro è previsto all’ora di pranzo; i devoti percorreranno il sentiero (di bassa/media difficoltà) che conduce alla chiesetta in cui si onora Maria con il titolo di “Consolatrice degli afflitti”, titolo suggerito dallo stesso Parroco.

Don Magloire ha voluto dare nuovo impulso alla venerazione della Vergine presso la chiesetta rupestre – molto cara a campogiovesi e turisti – con il primo pellegrinaggio del 2 maggio 2015, durante il quale il precedente Vescovo – Mons. Angelo Spina – volle donare l’attuale statuina per rimediare al furto sacrilego della effigie trafugata da ignoti negli anni ’70.

L’evento religioso si svolgerà – così come pubblicato dallo stesso reverendo – a conclusione del mese mariano di Agosto per “dire grazie per la tua vita”; al pellegrinaggio parteciperà anche il Vescovo della Diocesi di Sulmona-Valva, Mons. Michele Fusco, alla sua prima adesione dopo la nomina ufficializzata il 30 novembre scorso.

Qui si riportano i brevi post dei pellegrinaggi degli scorsi anni:

Pellegrinaggio alla Madonnina di Coccia del 2 maggio 2015;

Riprese video con inquadrature della Majella e del paese realizzate dall’Ufficio Comunicazioni Sociali della Diocesi di Sulmona-Valva, inserite nella trasissione “Il respiro dell’Anima”;

Pellegrinaggio alla Madonnina di Coccia e S. Messa per il trigesimo di don Giovanni (agosto 2016);

Preghiera alla Madonnina di Coccia.

Appuntamento allora per sabato 25 agosto alle 08:00 davanti la Chiesa di Sant’Eustachio.

*La Madonna di Coccia è una chiesa tratturale edificata su un’antica mulattiera intensamente utilizzata da pastori e pellegrini. Oltre alla carenza di notizie storiche, mancano anche leggende legate a questo luogo che forse ospitava un nucleo di monaci. La chiesa fu restaurata nel 1748 dalla famiglia Vella, come attesta l’iscrizione su un architrave. Il nome deriva dal bassorilievo di una Madonna con Bambino posto su un altare e trafugato da ignoti. Da Campo di Giove si segue la S.P. 84, si supera il cimitero del paese e si prende la mulattiera, aperta e assolata, che sale verso la montagna. La vegetazione è rada, costituita da cespugli di aromatiche e arbusti di ginepri. Il sentiero presenta fondo roccioso con begli affacci su Campo di Giove e sul Pizzalto a sud-ovest. Si prosegue su sentiero scavato nella roccia attraverso la faggeta. A circa 50’ dalla partenza si giunge alla deviazione che conduce alla chiesa. Itinerario per tutte le stagioni, da evitare in caso di forte innevamento.
(fonte: Parco Nazionale della Majella, definizione tratta dal link https://www.parcomajella.it/visita-il-parco/sentieri-e-itinerari/sentieri-e-itinerari/sentieristica/sentieri-per-famiglia/sentiero-per-famiglie-n-21-chiesa-madonna-di-coccia-campo-di-giove/).

Nei giorni 16 e 17 agosto saranno celebrati i festeggiamenti in onore di San Rocco e Sant’Emidio, questo il programma diramato:

Giovedì 16 agosto

08:30 Santa Messa nella chiesa di San Rocco
09:00 Giro musicale della banda per le strade del paese
11:00 Santa Messa nella chiesa di Sant’Eustachio
15:45 – 17:30 Giochi popolari in Piazza A. Duval
18:00 Santa Messa nella chiesa di Sant’Eustachio
19:00 Processione del Santo per le strade del paese

 

Venerdì 17 agosto

08:30 Santa Messa nella chiesa di San Rocco
09:00 Giro musicale della banda per le strade del paese
11:00 Santa Messa nella chiesa di Sant’Eustachio
15:45 – 17:30 Giochi popolari in Piazza A. Duval
18:00 Santa Messa nella chiesa di Sant’Eustachio
19:00 Processione del Santo per le strade del paese
21:30 Musical a cura dell’Associazione Believe in Piazza A. Duval