Furto con scasso. Ladri in azione a Campo di Giove

Furto con scasso. Ladri in azione a Campo di Giove

Ieri notte, poco prima delle 2.00 c’è stato un furto nella sala giochi “Free Time” di Campo di Giove. I ladri hanno avuto il tempo di scassinare due delle quattro slot machines del locale rubando circa 600 euro.

Un giovane del posto (M. A.) che si trovava a passare su Viale Marconi ha notato la porta aperta del locale e un’auto ferma davanti l’ingresso, intuendo l’azione criminosa in corso, ha prontamente allertato la Centrale Operativa dei Carabinieri che in pochi minuti è intervenuta con l’invio di una volante che stava svolgendo un servizio di perlustrazione nel vicino comune di Cansano a causa di diversi furti in abitazioni verificatisi nei giorni scorsi.

Grazie all’attività di ricerca nella zona, appena mezz’ora dopo, i militari della pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Castel di Sangro composta del Maresciallo maggiore Fabrizio Cufino e dall’Appuntato Guido Maconneni sono riusciti ad intercettare l’auto usata dai banditi (risultata rubata il 14 dicembre scorso nel comune di Luco dei Marsi) sulla strada provinciale 84 poco dopo Rivisondoli.

Dopo un breve inseguimento, l’auto con a bordo i quattro malviventi è uscita di strada (vedi foto dell’auto usata per la fuga), a quel punto i Carabinieri sono riusciti ad arrestarne uno e a recuperare la refurtiva. L’arrestato risulta essere un recidivo di nazionalità straniera.

L’episodio ha suscitato allarme in paese, a quell’ora infatti era ancora aperto un pub con alcuni avventori tra cui il Sindaco di Campo di Giove e diversi amministratori che, avvisati dallo stesso giovane, si sono precipitati nei pressi del locale.

I titolari dell’esercizio commerciale si sono poi recati presso le caserme di Campo di Giove e di Castel di Sangro davanti ai rispettivi Comandanti Maresciallo Giovanni Baldini e Fabio Cicone per espletare gli iter formali del caso.

Gli stesi titolari esprimono un sincero ringraziamento innanzitutto al personale dell’Arma per la professionalità mostrata, augurano una pronta guarigione al militare ferito durante l’inseguimento e sottolineano il bel gesto di civiltà di Maurizio, questo il nome del giovane la cui tempestività ha impedito che l’episodio potesse rivelarsi molto più grave, a bordo dell’auto infatti è stata rinvenuta una pistola (anch’essa risultata rubata) carica, e pronta all’uso.