“Una stella sulla Majella”, inaugurata a Campo di Giove la stele in omaggio al Freedom Trail

CAMPO DI GIOVE – «“UNA STELLA SULLA MAJELLA” – Così Radio Londra annunciava in codice la libertà riconquistata dai prigionieri fuggiaschi e dei giovani italiani, tra i quali il Sottotenente Carlo Azeglio Ciampi, che si schieravano con l’esercito alleato. Per questo sentiero attraversando il Guado di Coccia raggiungevano le terre liberate».


È questa l’iscrizione visibile sulla stele la cui cerimonia di “inaugurazione” si è conclusa poco fa. 

Come da programma, il gruppo di partecipanti alla XV edizione del Freedom Trail, arrivato in paese intorno alle 16:30 è stato accolto dalle autorità locali, con alla testa l’Amministrazione Comunale. 

Quest’anno poi, ad arricchire la manifestazione ci ha pensato la fanfara (regionale) degli Alpini che ha accompagnato il corteo con i suoni sempre emozionanti del repertorio militare.

Giunti all’imbocco del sentiero per Monte Coccia, davanti alla stele ancora coperta, il Sindaco ha ricordato il motivo per il quale l’Amministrazione di Campo di Giove ha voluto che in paese si ponesse una testimonianza “su pietra”, e cioè fare in modo che per il futuro, chiunque si trovi a transitare per questo posto, possa riflettere sul sacrificio di quanti cercavano con coraggio e speranza di raggiungere la libertà, rappresentata dall’esercito alleato stanziato sull’altro versante della montagna tanto cara ai campogiovesi.
Una libertà cercata e conquistata non solo per se stessi ma per un’intera Nazione.

Il primo cittadino, non ha mancato di ringraziare il Prof. Italo De Vincentiis tra i primi a sostenere e sollecitare l’iniziativa, a cui il Sindaco ha rivolto un saluto particolare considerato tra l’altro che egli è l’ultimo testimone vivente di alcuni tra i fatti più importanti accaduti in paese tra il 1943 ed il 1945.

Infine, prima di ringraziare i partecipanti, gli organizzatori, le Forze dell’Ordine, gli Alpini,
le associazioni di volontariato come la Protezione Civile e la Croce Rossa ed il Parroco che ha proceduto a benedire la stele, sempre il Sindaco ha letto le comunicazioni intercorse con lo staff dell’ex Presidente Ciampi che ha fatto sapere il suo apprezzamento per l’iniziativa intrapresa.

Il corteo è giunto successivamente in Piazza A. Duval dove, ai piedi del Monumento ai Caduti sono stati resi gli omaggi come da protocollo.

Una giornata senza dubbio importante per la nostra comunità, che da oggi ha un motivo di orgoglio in più da trasmettere e condividere con le future generazioni.