Un sogno che si realizza: Iaia sarà curata negli Stati Uniti

CAMPO DI GIOVE – A volte i sogni si realizzano. I lettori ricorderanno come a novembre scorso, anche questo blog partecipava alle iniziative di sensibilizzazione affinché si realizzasse una raccolta fondi necessaria a garantire le cure negli Stati Uniti alla piccola Iaia, bambina di 6 anni affetta da una grave malattia che avrebbe potuto trovare lì, in un centro specializzato, una concreta speranza di cura.

La gara di solidarietà che iniziava a muovere i primi passi ha raggiunto l’obiettivo. Sono stati raccolti 800mila euro, e così finalmente il sogno diventa realtà.


Con una pubblicazione sul profilo facebook della Onlus, la mamma della piccola, a nome dell’intera famiglia alla quale anche questo blog si associa, ha potuto ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile questo risultato commovente.


Ecco il testo:

“A volte la vita ti sa davvero stupire, ti sorprende e ti fa capire che niente è impossibile se ci sono volontà e amore. A noi ha stupito.

Quando ti trovi costretto a dover mettere insieme tanti soldi se vuoi salvare la vita di una bambina di soli sei anni, la prima cosa che pensi è “non ce la faremo mai!”.  E’ per questo che il nostro obiettivo all’inizio ci sembrava solo un puntino lontanissimo, ma quel puntino piano piano si è avvicinato sempre di più fino a toccarlo.

Il sogno di una sola famiglia è diventato, giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, il sogno di tanti, il sogno di tutti.
Oggi possiamo dire che la famiglia di Iaia è cresciuta a dismisura, il nostro piccolo orsetto si è colorato con una velocità davvero inaspettata e questo è avvenuto grazie alla generosità di migliaia di persone che da subito ci hanno aperto i loro cuori senza indugio.
 

Avete fatto moltissimo, dando un grande esempio di solidarietà e dimostrando che, se vogliamo, sappiamo essere un popolo generoso ed altruista.
 

Sarebbe bello poter ringraziare personalmente tutti coloro che ci hanno aiutato, sostenuto ed appoggiato in questo percorso ma siete talmente tanti che risulterebbe un’impresa impossibile.
 

Grazie a te, Papa Francesco, che con amore e tenerezza, hai benedetto i nostri bambini e continui ad esserci vicino.
 

Grazie alla famiglia di Lorenzo Costantini, che ci ha aiutato a dar vita a questa maratona, sostenendoci e incoraggiandoci nonostante il loro immenso dolore. Grazie perché senza di voi sarebbe stato tutto molto più difficile e grazie per la generosa donazione.

Grazie ai numerosi sindaci che insieme alle loro amministrazioni sono stati ambasciatori e promotori del nostro appello alla solidarietà, in particolare dei Comuni di Roccaraso e Lanciano.
 

Grazie a tutte le Istituzioni, private e pubbliche, che ci sono sempre state vicine, sostenendoci concretamente.
 

Grazie a Diocesi e Parrocchie, che ci hanno donato tanto ed accompagnato con la preghiera e la speranza.
 

Grazie a tutte le scuole, a tutte le associazioni, che hanno messo in campo le più disparate professionalità dando vita a spettacoli ed iniziative di ogni genere, sensibilizzando e rallegrando adulti e bambini.
 

Grazie al mondo dello sport nazionale ed internazionale: del calcio, del pattinaggio, della danza, dello sci, della pallavolo, del basket e del tennis, perché ha scelto di far parte della nostra squadra.
 

Grazie a tutti gli artisti, che hanno ideato, dipinto, cantato, ballato, suonato e animato il nostro sogno.
 

Grazie ai media: carta stampata, web, televisioni e radio, che hanno raccontato il nostro viaggio con sensibilità .
 

Grazie a tutti i titolari di attività commerciali, che hanno esposto i nostri salvadanai e partecipato a tante iniziative.
 

Grazie a tutti i volontari, che ci hanno messo l’anima ed il cuore.

Un ringraziamento speciale alle Nonne ed ai Nonni, ai Fratelli ed alle Sorelle, alle Zie ed agli Zii, alle Cugine ed ai Cugini, alle Nipotine ed ai Nipotini, alle Amiche ed agli Amici… perché ogni giorno camminate e combattete con noi e per noi. Ognuno di voi ha colorato con la propria pennellata questo arcobaleno d’amore.

E infine Grazie ai nostri due splendidi Figli, siamo onorati del dono che abbiamo ricevuto, siete i nostri Maestri di Vita… per il vostro Amore, per la vostra Gioia, per la vostra Forza… siamo orgogliosi di esservi a fianco.

Anche quella dei ringraziamenti è una grande responsabilità, si ha sempre l’impressione di dimenticare qualcuno e se così fosse ce ne scusiamo.


Il nostro messaggio è rivolto a tutti Voi indistintamente.

 

Grazie di cuore.
I Genitori di Iaia e tutta la sua grande Famiglia.”