Treni turistici sulla linea Sulmona-Carpinone/2

CAMPO DI GIOVE – A seguito della pubblicazione della notizia riguardante la (parziale) riapertura della tratta Sulmona-Carpinone, specificamente riferita alla circolazione dei soli treni “turistici”, riportata da moltissimi media locali, la Fondazione FS Italiane ha precisato con un comunicato stampa ufficiale (leggi qui) che: 

“Contrariamente a quanto riportato dai media nei giorni scorsi, sarà la Fondazione FS Italiane a rilanciare il programma di treni storici sulla linea Sulmona – Carpinone sulla quale, al momento, non è in programma la ripresa del normale servizio ferroviario. 
Il Gruppo FS Italiane smentisce quindi la notizia diffusa dall’Associazione privata “Transita” – che ha veicolato impropriamente la notizia – che non appartiene e non ha alcun rapporto istituzionale con il Gruppo stesso. 
La Fondazione FS Italiane, costituita il 6 marzo 2013 per gestire e valorizzare il Patrimonio storico delle Ferrovie Italiane, sta invece operando con proprie risorse, d’intesa con Rete Ferroviaria Italiana, per rilanciare parte della tratta attraverso un programma di treni storico – turistici.”

A sua volta, l’Associazione Transita ha risposto con questo post dalla sua Pagina Facebook (https://www.facebook.com/TransItaOnlus?fref=ts):

Apprendiamo dal Comunicato Stampa di Ferrovie dello Stato che, così come era stata da noi divulgata la notizia, la linea Sulmona – Carpinone verrà riaperta a metà maggio per la circolazione di soli treni turistici. Infatti, nel nostro comunicato non si è mai parlato di riapertura della linea alla circolazione dei treni ordinari perché conosciamo la complessità e le competenze di tale scelta. A questo punto possiamo rilevare che non si può parlare di smentita ma della sola impossibilità per Transita di poter continuare ad organizzare in proprio treni turistici perché, come si evince dal comunicato, sembrano essere esclusivo appannaggio di Fondazione FS. Ovviamente questa notizia ci rattrista da una parte e ci rende speranzosi di una possibile collaborazione tra Fondazione FS (che possiede il materiale storico) e Transita (che vivendo e operando da tempo sul territorio ha saputo portare ben 8000 turisti italiani e stranieri su treni noleggiati privatamente da Trenitalia). Quindi, nessuna smentita sulla notizia di riapertura ma ci auguriamo che vi sia una smentita al comunicato delle Ferrovie dello Stato che la possibilità di organizzare i treni turistici non sia solo una prerogativa di Fondazione FS ma che si possa collaborare, ovvero che sia data opportunità ad altri operatori del territorio di fare altrettanto. Inoltre, il Presidente di Transita Francesco Tufano dichiara di nutrire nei confronti del Direttore della Fondazione FS, Ing. Luigi Cantamessa, sinceri sentimenti di amicizia e di ammirazione riconoscendone in lui alti valori professionali e umani. Con tali argomenti crede nella possibile e auspicabile proficua collaborazione.”

Personalmente mi associo all’auspicio formulato da Transita Onlus, alla quale obiettivamente va riconosciuto il merito, insieme ad altre Associazioni come “Amici della Ferrovia – Le rotaie Molise” (http://www.lerotaie.com/www.lerotaie.com/Home.html), del grande impegno profuso affinché la linea Sulmona-Carpinone torni a vivere non solo nella mente e nei cuori ma sulle rotaie, portando avanti una meritoria opera di sensibilizzazione di Istituzioni e popolazione.